Logo Progetto Leonardo Da VinciIl programma è realizzato con il sostegno finanziario della Comunità Europea. Per quanto qui contenuto la responsabilità ricade esclusivamente sull'autore.

  •  Titolo del progetto: Progetto Leonardo da Vinci "Augmented Reality Applications in the Field of Vocational Education and Training" (ARAVET);

  • 4 partner sono scuole: Italia, Turchia,  Romania e Grecia;

  • 4 partner sono società di informatica : Spagna, Repubblica Ceca, Slovenia e Turchia.

Video finale del progetto
LDV Aravet video finale


Implementazione realtà aumentata alla didattica

First meeting in Bolu (Turchia) 6 - 11 novembre 2013

Programma Leonardo

 

Programma Leonardo da VinciAravet facebookAravet twitterAravet Youtube  

http://www.boluekspres.com/

http://www.bolukoroglu.com/

 Servizio televisivo rete turca dedicato al progetto
 Video della TV Turca

Soverato - L’ITC “A. Calabretta” di Soverato partecipa al progetto “Leonardo” assieme alla “VOCATIONAL HIGH SCHOOL OF KATERINI” della Grecia, alla “COLEGIUL TEHNIC NAPOCA – CLUJ NAPOCA” della Romania, e della “BOLU MIMAR IZZET BAYSAL TEKNIK” della Turchia. Il percorso progettuale durerà da settembre a giugno 2015. Dal 6 al 11 novembre, come avevamo già annunciato,  il dirigente scolastico,  Gilio Demasi, si è recato in Turchia, a Bolu, insieme alla prof.ssa Castanò Connie, la prof.ssa Cilurzo Miriam e il tecnico informatico Salvatore Moio, in occasione del primo workshop organizzato dalla scuola capofila, ossia quella turca. Erano presenti anche i rappresentanti e i dirigenti delle altre tre scuole  e i membri delle quattro società informatiche. Tutti i partecipanti sono stati accolti al Grand National Assembly di Ankara e hanno ricevuto gli attestati  di partecipazione dal sindaco della città di Bolu.  Si tratta di  un progetto di mobilità che rientra nel Programma per l'Apprendimento Permanente  e che gode del finanziamento da parte della UE, erogato attraverso l’Agenzia Nazionale Leonardo. Gli studenti   che partecipano sono considerati  come persone in fase di formazione professionale iniziale. L’insieme dell’esperienza (cioè tutto il periodo - preparazione linguistica e culturale, stage) prende il nome di tirocinioGli obiettivi generali di questa azione di mobilità sono quelli  di:sostenere i partecipanti ad attività di formazione e formazione continua nell’acquisizione e nell’impiego di conoscenze, competenze e qualifiche per agevolarne lo sviluppo individuale, l’occupabilità e la partecipazione al mercato del lavoro europeo; ed incrementare l’attrattiva dell’istruzione e della formazione professionale e della mobilità per gli individui e agevolare la mobilità dei lavoratori in formazione. Questo significa che l’aspetto linguistico, pur facendo parte degli obiettivi, non occupa un posto prioritario, ma diventa piuttosto funzionale alla realizzazione degli obiettivi generali. In altre parole, l’obiettivo della misura è  quello di consentire ai giovani di sperimentare, di osservare da vicino e dall’interno il mondo del lavoro in un contesto internazionale, sia a fini formativi che orientativi rispetto al proprio futuro professionale.

Maria Anita Chiefari


 Second meeting in Pamplona (Spagna) 2 - 7 maggio 2014

Second Meeting Pamplona prog. Leonardo

 

Il "Calabretta" ha aderito al Progetto Leonardo - Nell'ambito del Progetto Leonardo 2013 dal titolo "Augmented Reality Applicationsin the Field of Vocational Education and Training", al quale ha aderito l'Istituto Ite "Calabretta" di Soverato assieme ai partnerdi Turchia, Spagna, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia e Grecia, si è svolto il secondo workshop nella città di Pamplona, in Spagna, dal 2 a 7 maggio. Per la scuola di Soverato sono stati presenti il dirigente scolastico, Gilio Demasi, e i docenti Connie Castanò e Giovanni Pettinato. L'obiettivo del progetto è quello di utilizzare nuove forme di applicazioni informatiche in ambito didattico che si presentano di grande impatto comunicativo con caratteristiche virtuali dinamiche e in 3D. Nelle giornate di Pamplona sono stati suggeriti dai partner diversi scenari, ognuno per i tre ambiti delle diverse tipologie di scuole partecipanti: elettronica, informatica e tessile. Sarà cura delle società informatiche coinvolte approntare dei prototipi che saranno testati nelle realtà scolastiche. Per il prossimo appuntamento, in settembre, le scuole implementeranno un sito multilingua con tutto il materiale in costruzione e sperimenteranno i prototipi direttamente nelle classi coinvolte. (ma.an.ch.)

Gazzetta del Sud Giovedì 29 maggio 2014


 Third meeting in Praga (Repubblica Ceca) 26 settembre - 1 ottobre

Terzo meeting a Praga foto 1

Terzo meeting a Praga foto 2 
Due foto del gruppo di lavoro

Terzo workshop a Praga - Si è svolto il terzo workshop nella città di Praga, in Repubblica Ceca, dal 26 settembre al 1 ottobre. Per l’ITE “Antonino Calabretta” di Soverato, sono stati presenti la responsabile del progetto prof.ssa Connie Castanò, la prof.ssa Miriam ilurzo e il prof. Giovanni Pettinato. L'obiettivo del progetto è quello di utilizzare nuove forme di applicazioni informatiche 3D e di realtà aumentata (AR Reality) per supportare la didattica tradizionale. Nelle giornate di Praga le società informatiche hanno presentato le applicazioni create per elaborare gli scenari didattici delle quattro scuole in immagini virtuali e tridimensionali. Dopo aver scaricato con facilità il software sul proprio tablet con OS android, l’alunno può “dare corpo” alle immagini codificate su carta e averne una reale visione, sperimentando con i bottoni interattivi simulazioni, esercizi o visionare a 360° oggetti e dispositivi. Si tratta chiaramente di un progetto a budget limitato, quindi le  applicazioni non sono complesse o troppo elaborate, hanno piuttosto carattere dimostrativo e compiono un numero limitato di azioni. Il vero intento è quello di dimostrare che la tecnologia riserva un potenziale infinito di risorse che possono supportare la scuola di oggi rendendo il processo di insegnamento-apprendimento più gratificante e accattivante. Per il prossimo appuntamento, in settembre, le scuole sperimenteranno i prototipi direttamente nelle classi coinvolte per avere il parare dei diretti interessati: gli alunni. I dati verranno raccolti in un questionario che verrà analizzato nell’ultimo workshop che si terrà a maggio a Katerini presso la scuola del partner greco.


The last meeting in Katerini (Grecia) 20-25 maggio

Istituto Calabretta: concluso in Grecia il progetto ”Leonardo da Vinci” - Hanno chiuso in bellezza l’anno scolastico gli studenti del’”Calabretta” di Soverato rientrati dalla Grecia. Infatti la scuola, capitanata da Gilio Demasi, ha aderito al progetto finanziato dalla Comunità europea ”Leonardo da Vinci”, “Augmented reality applications in the field of vocational education and training”. Oltre la scuola soveratese hanno aderito quelle della Turchia, della Romania e della Grecia. Mentre ci sono state altre quattro scuole di società informatica: Spagna, Repubblica Ceca, Slovenia e Turchia. Il progetto biennale iniziato in Turchia nel novembre 2013 si è concluso in questi giorni in Grecia. Gli studenti di Soverato sono stati accompagnati dal dirigente Demasi, dalla responsabile, la docente Connie Castanò e  dal professore Giovanni Pettinato. “Questo incontro- ha commentato la Castanò- è stato preceduto in ogni scuola, da una attività di divulgazione e dimostrazione dell’uso delle app di realtà aumentata (logic, elettronic, textile) e dalla somministrazione di un questionario comune, per valutare l’impatto e la risposta degli studenti verso ciò che potrebbe essere una nuova tecnologia al servizio della didattica. In particolare, presso il “Calabretta” il docente Pettinato, ha sperimentato e somministrato il questionario ai 48 studenti del corso sistemi informativi aziendali. I risultati sono stati illustrati e messi a confronto con quelli di ogni scuola, durante il workshop a Katerini. Ne è emerso che tutti gli studenti hanno compreso il significato dell’ augmented reality con le potenzialità innovative che il sistema comporta. Era infatti questo l’obiettivo del progetto. L’augurio da parte di tutte le scuole, è che il progetto possa avere un seguito. Sotto il profilo umano si è creato un clima di amicizia e condivisione tra tutti i membri,  in uno spirito veramente  europeo. L’ultima serata organizzata dagli amici greci ha suggellato questo spirito in un ambiente accogliente e suggestivo”. Senza dubbio la scuola si è evoluta negli ultimi anni e continuerà a farlo. Sono sempre di più infatti le attività che si svolgono oltre le mura scolastiche e, grazie a questi progetti europei, i ragazzi hanno la possibilità di viaggiare, interfacciarsi con nuove realtà, culture, tradizioni e stili di vita, facendo confronti e differenze con la nazionalità italiana. Viaggi che arricchiscono sia il bagaglio culturale e didattico, che quello umano e personale.

di Antonella Rubino

Documenti allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Articolo Praga prog leonardo.pdf)Articolo Praga prog leonardo.pdf270 kB248