In prossimità delle vacanze pasquali mi è gradito condividere insieme a voi il significato del "passaggio" a nuova vita che la nostra cultura celebra, affondando nelle radici millenarie della nostra storia.

Al di là di ogni credo, colore, tradizione, cultura, volgiamo i nostri sguardi verso tutti coloro che il viaggio della vita mette al nostro fianco e apriamo il nostro cuore ai passeggeri del treno sopra il quale ci siamo ritrovati a percorrere il tragitto della nostra esistenza. Guardiamo a chi accanto a noi vive nella povertà della materia o dello spirito, nella solitudine o nella confusione, nel silenzio profondo di chi non riesce a far sentire la propria voce.

Viviamo la Pasqua come un tempo in cui le pietre vanno rimosse, i muri demoliti, le discordie e le incomprensioni affrontate e superate. Viviamola come un tentativo costante di ricominciare, di riprovare, senza rimandare ad un ipotetico e improbabile futuro, ma cominciando da subito nel nostro presente, qui e ora. Così che il presente di questa Pasqua diventi la promessa che, nonostante il passato, nonostante la tristezza, nonostante il dolore, nonostante il male - che esiste, che facciamo e che ci fanno o che senza ragione ci capita - si può sempre rinascere, contribuendo al miracolo del passaggio dalle tenebre alla luce.

Buona Pasqua!

Il Dirigente Scolastico
Valerio Antonio Mazza

 

Documenti allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Auguri Pasqua 2018_Calabretta.pdf)Auguri Pasqua 2018_Calabretta.pdf283 kB39